Picture
Come già in fase di raccolta sottoscrizioni, ribadiamo la critica sollevata ai referendum elettorali pochi giorni fa bocciati in consulta.

Questi referendum sono stati proposti ad arte dai partiti politici per impedire all'altro referendum popolare che reintroduceva le preferenze e il proporzionale puro
di raggiungere le 500 mila firme.



Se fossero stati accolti questi referendum, si sarebbe tornati al vecchio “Mattarellum”, sistema misto proporzionale-maggioritario, per cui si sarebbero assegnati 3/4 dei seggi con un sistema uninominale, con un solo candidato scelto non dal segretario di partito, ma dalla coalizione tutta.



Peggiorativo pure delle liste bloccate del "Porcellum". Un quarto solo dei seggi sarebbe stato determinato con le preferenze.



Ribadiamo che la nostra proposta di legge elettorale è quella presentata nel 2007 tramite legge di iniziativa popolare, in cui reintroducevamo le preferenze, vietavamo ai condannati di candidarsi e limitavamo a due i mandati espletabili dai parlamentari in modo da ridurre la lottizzazione clientelare dei partiti, legge sottoscritta da oltre 350 mila italiani. Purtroppo giace indiscussa in un cassetto della Commissione Affari Istituzionali e scadrà a fine legislatura.


Che il Parlamento la discuta per prima, poi si potrà ragionare di proporzionale o maggioritario.

Davide Bono
Presidente gruppo consiliare regionale
MoVimento 5 Stelle - Beppe Grillo



This is your new blog post. Click here and start typing, or drag in elements from the top bar.
 
 
Giriamo questa iniziativa del comitato acqua pubblica.


Nell'ambito delle mobilitazioni con le quali il Forum dei Movimenti si sta attivando per contrastare il decreto sulle liberalizzazioni che mette a rischio gli esiti dei referendum di giugno, facciamo arrivare le nostre ragioni direttamente e personalmente a tutt* coloro che saranno chiamati a discutere e/o votare il decreto legge sulle liberalizzazioni.

Sollecitiamo tutte/i ad inviare il 17, 18 e 19 gennaio a tutte/i le/i Parlamentari e Ministri  il seguente appello.


P.S.: è importante effettuare l’invio delle mail in modo coordinato, concentrandosi tutte/i nei giorni 17, 18 e 19.

Di seguito trovate il testo da inviare e al link qui riportato, l’elenco degli indirizzi e-mail di Parlamentari e di alcuni Ministri

https://docs.google.com/open?id=1gNbjkkJFA6sJAu6NB9BePZPT7N5IwW8PVIGfl6-l1TFuvqYVTOR8tnWPqlEM

IMPORTANTE:

PER EVITARE DI VEDERSI BLOCCATA LA PROPRIA CASELLA DI POSTA (CHE AL MASSIMO PUÒ INVIARE MAIL A CIRCA 500 DESTINATARI OGNI 24 ORE), SCEGLIETE SOLO UNO DEI GRUPPI DI INDIRIZZI IN ALLEGATO, ED INVIATE GLI ALTRI NEI GIORNI SUCCESSIVI

PER FARE IN MODO CHE OGNI GIORNO SIANO COINVOLTI TUTT* LE/I PARLAMENTARI, SCEGLIAMO I GRUPPI A CASO E NON TUTT* IL PRIMO



Testo della mail da inviare:

Gentile Onorevole,
le scrivo questa lettera dopo che, in diverse trasmissioni televisive e quotidiani, sono apparse dichiarazioni di più esponenti di Governo che attaccano esplicitamente il voto referendario dello scorso giugno, attraverso il quale la maggioranza assoluta del popolo italiano si è espressa contro la privatizzazione dei servizi pubblici locali e per una gestione pubblica e partecipativa del servizio idrico integrato fuori da ogni logica di profitto.
E' sempre più evidente come i provvedimenti allo studio dell'attuale Governo, che saranno discussi nel corso del prossimo Consiglio dei Ministri, riprendano quelli già approvati dal Governo precedente, riproponendo l’idea di una gestione dell’acqua e dei servizi pubblici locali secondo logiche di mercato, azzerando di fatto l'esito referendario.
Tale azzeramento può essere perseguito anche in forma indiretta, tramite provvedimenti, come l'art.20 della bozza di DL sulle liberalizzazioni, che mettano in discussione la possibilità di gestione del servizio idrico attraverso enti di diritto pubblico, quali le aziende speciali: modalità che, ricordiamo, è espressamente prevista e consentita dalla vigente disciplina comunitaria e che è stata resa esplicitamente praticabile in Italia proprio a seguito dei voto di giugno.
Di fatto dopo un esito referendario inequivocabile, frutto di una mobilitazione sociale che ha dimostrato il desiderio di protagonismo diretto di milioni di donne e di uomini di questo Paese, i governi e le istituzioni, invece di procedere in direzione della volontà popolare democraticamente espressa, procedono in direzione esattamente contraria.
Un simile attacco ai fondamenti della democrazia richiede ad ogni parlamentare di schierarsi a garanzia e rispetto del voto del popolo italiano, aldilà della propria collocazione politica.
Le chiediamo quindi, in sede di discussione parlamentare, di esprimere la sua contrarietà nei confronti di ogni provvedimento che, direttamente o indirettamente, tradisca la volontà popolare, stravolgendo il quadro normativo emerso dai risultati del 12 e 13 giugno.
Certi dell’attenzione con cui vorrà considerare la presente e del Suo personale impegno in difesa della democrazia colgo l’occasione per porgerle i più cordiali saluti.

Roma, 17 Gennaio 2012.

(Firma del Comitato o firma del singolo cittadino aderente al Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua)


 
 
Picture
Quali cittadini di Parlamento Pulito sosteniamo la battaglia del forum acqua pubblica ed invitiamo a firmare l' appello indicato a questo link : 
http://www.acquabenecomune.org/raccoltafirme/index.php?option=com_petitions&view=petition&id=181&Itemid=111